Vivere con un Gatto (o più di uno): Istruzioni per l'Uso

Vivere con un gatto è un'esperienza bellissima, ma richiede alcune accortezze e attenzioni: ecco quello che c'è da sapere.



Vivere con un Gatto: Istruzioni - Corriere delle Dame

Se stai pensando di prendere un animale domestico, il gatto potrebbe essere la scelta giusta per te. Nonostante il senso comune consideri il gatto un animale schivo e freddo di sentimenti, al contrario del cane più espansivo emotivamente, i felini possono riservare piacevoli sorprese e rivelarsi ottimi conviventi.

Prenditi tempo per la scelta

I gatti possono vivere per oltre 15 anni, per cui la scelta di prendere un gatto non dovrebbe mai essere impulsiva. È un impegno e un amore a lungo termine. Ecco, quindi, cosa considerare nella scelta di adottare un gatto. A differenza dei cugini cani, i gatti hanno relativamente poche esigenze. Essendo animali autonomi, non hanno bisogno di essere portati a spasso per i bisogni; certo, ci sarà necessità di comprare la lettiera e pulirla giornalmente ma, questa, può essere la soluzione ideale per chi passa diverse ore fuori casa. Inoltre, il gatto è tra gli animali domestici il più igienici. Si prende cura di sé stesso, leccandosi e lavandosi continuamente.

Nonostante la sua natura indipendente, il gatto di casa ha bisogno di attenzioni e di tempo per il gioco in modo da rafforzare il legame con il padrone e stimolarne le capacità. Solitamente il gatto in appartamento si diverte con poco, saltando da una sedia all’altra, nascondendosi sotto le coperte o negli armadi. Ma se trascorrete più di 8 ore fuori casa, sarà il caso di pensare a prendere due gatti: aiuterà entrambi i gatti a mantenersi attivi fisicamente e mentalmente, oltre ad assicurare di coccolarsi a vicenda.

Un vero toccasana per l’umore

Anche se molti insistono con l’affermare che il gatto è un animale freddo e indipendente, in realtà saprà sempre dimostrare il suo amore in tanti modi differenti. Infatti, la relazione che i gatti instaurano con i padroni può essere molto intensa, tanto da creare una connessione diretta anche soltanto con alcuni membri della famiglia. Se un gatto sceglie voi, sarete di certo il suo compagno di vita , diventando un vero e proprio rimedio contro lo stress.

Diverse ricerche e studi scientifici, infatti, dimostrano che avere un gatto in casa migliora la salute dei padroni, rilassando l’organismo. E non è finita qui! Da alcune statistiche emerge che i proprietari di gatti presentano una riduzione del 37% del rischio infarto, qualunque sia la loro età. Anche i bambini potranno beneficiare della presenza del nuovo membro della famiglia: il gatto favorisce lo sviluppo socio-emotivo e cognitivo nei bambini. Per chi soffre di autismo, ad esempio, la presenza di un gatto aumenta la capacità di comunicazione e il livello di fiducia negli altri e in sé stesso attraverso il contatto fisico. Inoltre, il luogo comune che considera il pelo dei gatti un pericolo per i bambini ad alto rischio di asma; tutt’altro. Una ricerca dell’Università di Copenaghen apparsa sul Journal of Allergy and Clinical Immunology rivela che avere un gatto in casa sin dalla nascita del bambino lo protegge dalla asma, così come da bronchiolite e polmonite.

Scegliere un gatto per la vita

Scegliere di vivere con un gatto può essere affascinante e, spesso, anche divertente. La convivenza sarà sicuramente piena di sorprese positive, ma la scelta deve essere fatta con criterio e sicurezza perché vivere con un gatto significa dedicargli tempo, attenzioni e, senza dubbio, amore.
Ovviamente ci saranno anche dei contro: da un solo gatto potreste presto ritrovarvi con due, perché vivere con un gatto crea dipendenza!

Cristina Vinci

Cristina Vinci

Nata a Napoli ma, già da bambina, si trasferisce in diverse città italiane per scelte famigliari e per gli studi universitari, prima a Bologna e, poi, a Roma dove consegue la laurea specialistica in Marketing e Comunicazione di Impresa. Il marketing, in particolare l'aspetto digitale, diviene un forte interesse che Cristina prova sempre ad approfondire durante le esperienze lavorative. Nonostante i trasferimenti in altre città italiane, Napoli resta il suo punto debole; si appassiona alla sua storia e anche alle sue problematiche, in particolare legate all'ambiente e alla criminalità organizzata. Il posto che preferisce -afferma- è la sua cucina immersa nel profumo di un dolce appena sfornato, ma le piace anche la cura del giardino, tra piante e gatti, visitare i musei e spendere tempo al pc in cerca di offerte per volare in posti nuovi.

Potrebbero interessanti anche
La Redazione
  • Erika Di Cosimo
  • Verdiana Amorosi
  • Mariagrazia Roversi
  • Angela Agresta
  • Cristina Vinci
  • Madame de Stael