Alle Terme durante la Gravidanza: fa Male? Vantaggi e Controindicazioni

Si può andare alle terme durante il periodo della gravidanza? Quali sono le possibili controindicazioni? Ecco alcuni suggerimenti utili per capirne di più.



Terme in Gravidanza: Sì o No? - Corriere delle Dame

Una domanda frequente che attanaglia molte donne amanti del benessere e del relax durante il periodo della gravidanza riguarda l'opportunità o meno di andare alle terme. Si possono frequentare oppure no? Faranno bene alla mamma e al nascituro? Possono aiutare la forma fisica e la psiche della donna aiutandola in una gravidanza serena?

La risposta è affermativa: andare alla terme anche con il pancione non può che fare bene alla futura mamma, per rilassarsi e prepararsi al parto, ma anche per combattere i disturbi più comuni e tipici del periodo della gravidanza. Ovviamente, sarà opportuno adottare determinate precauzioni e andare alle terme con la dovuta cautela, evitando bagni in acque troppo calde o immersioni per periodi  troppo lunghi. Quanto, invece, agli altri terattamenti tipici delle SPA e delle strutture termali, come - ad esempio - sauna, bagno turco o fanghi estetici, sarà meglio aspettare e farli dopo la nascita del bebé per cercare un po' relax post parto.   


Come anticipato, è opportuno evitare acque troppo calde, perché in gravidanza potrebbe comportare delle conseguenze. In effetti, su questa materia non esistono studi ben precisi, ma è ormai noto che il calore eccessivo può causare vasodilatazione sui vasi sanguigni, con il rischio di ridurre l’apporto di sangue al bambino, oltre al pericolo di problemi circolatori o cali di pressione nella donna: la temperatura ideale per immergersi in acqua è compresa fra i 30 e i 35 gradi, senza mai superarli. Altri studi, inoltre, hanno evidenziato che un bagno caldo troppo prolungato potrebbe comportare dei difetti di sviluppo del feto, come problemi del tubo neurale o della parete addominale. 

Altra regola importante è non rimanere in acqua calda per troppo tempo:è consigliabile immergersi per un massimo di 15 minuti e rientrare dopo venti minuti. Inoltre, sempre alle terme sarà bene tenersi lontano dai getti a cascata perché l’acqua che viene gettata potrebbe avere una temperatura più alta ed evitare di esporre l’addome al getto anche se gradevole. Vietato anche il percorso Kneipp e altre pratiche d’idroterapia, che prevedono l’alternanza caldo-freddo e che possono essere particolarmente faticosi per la donna.


Detto questo, via libera a bagni termali di relax, a condizione che la temperatura della vasca sia inferiore o pari ai 34 C°. Naturalmente, queste indicazioni valgono solo ed esclusivamente per coloro chevivono una gravidanza regolare e senza criticità particolari, né problemi medici. In ogni caso, per evitare qualsiasi dubbio, è sempre bene chiedere al proprio medico curante che ti conosce bene per avere il suo nulla osta ai bagni termali.

Scopri qui cosa vedere e cosa fare a Ischia, città termale per eccellenza!

Le indicazioni e le raccomandazioni fornite sopra riguardano sia il primo trimestre, sia i successivi. Molte terme offrono pacchetti specifici per donne in dolce attesa, che prevedono un controllo medico e determinati protocolli da seguire. Del resto, un bagno termale è una buona soluzione per chi durante il periodo dell’attesa sente l’utero contrarsi (purchè non ci siano minacce di aborto o sanguinamenti) in quanto l’acqua calda aiuta a migliorare la distensione e il rilassamento dei muscoli e dei tessuti.


Ma le terme hanno anche molti altri trattamenti benefici per coloro che sono in gravidenza, come - ad esempio - le terapie inalatorie, indicate per chi soffre di disturbi respiratori e che possono essere seguite senza problemi. Grazie al magnesio delle acque termali si potrà seguire una terapia idropinica, ovvero la cura che prevede l'assunzione dell'acqua termale per aiutare a sconfiggere la stitichezza e migliorare la digestione, oltre che ridurre la ritenzione idrica, che causa il gonfiore di gambe e piedi. Tutti fastidi che solitamente riguardano le donne incinta.

Infine, è bene sapere che farà molto bene una camminata in una piscina termale in quanto l’acqua alleggerisce il peso corporeo, compreso quello della pancia, facendo attenuare i dolori alla schiena e alleviare la tensione muscolare. Inoltre, mentre si cammina si respira naturalmente il vapore rilasciato dall'acqua termale, che vanta importanti proprietà antinfiammatorie e un'azione di rilassamento sui muscoli.

Madame de Stael

Madame de Stael

Giornalista free lance dal 2009, vive tra Roma e la Provenza, si occupa di scrittura, traduzioni e correzioni di bozze. Nel tempo libero scrive romanzi d'avvenutura e viaggia con il suo zaino in spalla.

La Redazione
  • Erika Di Cosimo
  • Verdiana Amorosi
  • Mariagrazia Roversi
  • Angela Agresta
  • Cristina Vinci
  • Madame de Stael