Parchi e Giardini da Visitare nel Lazio: i Luoghi da non Perdere Assolutamente

I parchi del Lazio sono luoghi magici, coinvolgenti ed emozionanti, in grado di rigenerare mente e corpo: ecco quelli che meritano assolutamente una visita almeno una volta nella vita!



Parchi e Giardini da Visitare nel Lazio - CorriereDelleDame.it

Il Lazio nasconde - fra città d’arte e la splendida Capitale - anche ampi e affascinanti spazi verdi. Zone dove poter fare una passeggiata tranquilla, rilassarsi e godere della bellezza del panorama e della natura. Questa regione è ricca di giardini storici che vale assolutamente la pena visitare almeno una volta nella vita, soprattutto se siete di passaggio e vi trovate nei dintorni. Ecco, allora, una carrellata dei migliori giardini del Lazio da visitare da soli o in compagnia.


Roma: giardini da visitare almeno una volta nella vita

Parlando dei giardini del Lazio che meritano sicuramente una visita non possiamo che partire dalla Capitale. Se vi trovate a Roma o nei dintorni vi consigliamo di visitare il parco di Villa Borghese, sicuramente uno dei più magici ed affascinanti di tutta la città. Fra i luoghi più suggestivi, soprattutto se volete scoprire un meraviglioso panorama e scattare qualche foto, raccomandiamo il celebre Gianicolo: una delle zone di Roma più apprezzate in assoluto, anche perché permette una visuale completa sul centro storico della città.

Un altro luogo particolarmente avvolgente, se volete vivere un momento di tranquillità, è l’elegante Parco Savello, conosciuto ai più con il nome di Giardino degli Aranci. Si tratta di uno dei giardini più belli della Capitale, soprattutto perché si trova in un contesto estremamente tranquillo e silenzioso, lontano dal quotidiano caos urbano.

A pochissimi passi da qui, non perdetevi l’inedita, romantica ed emozionante vista della città – e in particolare della Cupola di San Pietro – dal “buco della serratura”. A Piazza Cavalieri di Malta – proprio accanto al Giardino degli Aranci – trovate la Villa del Priorato di Malta, dove potete osservare un grande portone dal quale è possibile ammirare la città proprio dal buco della sua serratura. Un’occasione unica per poter scattare una foto inedita del mitico Cupolone.

Tra i luoghi verdi della capitale da visitare assolutamente consigliamo anche l’antico ed enorme parco degli Acquedotti, uno dei meno noti di Roma, ma assolutamente affascinante, sia per il verde che per i resti dell’acquedotto romano che punteggiano il tappeto erboso. Da non perdere anche i bellissimi Giardini Vaticani che potete visitare in occasione di appositi tour, i quali includono generalmente anche la Cappella Sistina e i Musei Vaticani.

Giardini Botanici di Stigliano

I giardini botanici di Stigliano si trovano nella Tuscia Romana e vantano una storia davvero molto antica. Questi giardini, infatti, si trovano all’interno di una zona termale le cui acque sono considerate terapeutiche e guaritrici. Oggi il complesso dei giardini botanici di Stigliano, che ospita anche il borgo e il parco, è una delle zone più belle nei dintorni di Roma per godere un weekend di relax totale. I percorsi all’interno del parco, che misura circa venti ettari, seguono -nella maggior parte dei casi - le fonti d’acqua. La fauna locale è caratterizzata da aironi, falchi, faine, donnole e tassi, istrici e volpi. L’ingresso è a pagamento, il parco ospita le terme ed un ristorante.

I giardini di Ninfa

I giardini di Ninfa costituiscono un suggestivo parco naturale botanico che si trova in Lazio, nel comune di Cisterna di Latina, fra Norma e Sermoneta. Questo delizioso parco laziale – meno esteso di altri ma molto ben curato ed estremamente romantico - è uno dei giardini più affascinanti della regione, perché ricco di specchi d’acqua, fontanelle e percorsi nel verde assolutamente rilassanti. A tal proposito vale la pena segnalare una curiosità: Giorgio Bassani, autore del celebre libro “Il giardino dei Finzi Contini” ambientato a Ferrara, descrisse in realtà il parco di Ninfa, cui era molto legato.

Pare, infatti, che l’autore trascorse diverso tempo in questo parco, ospite della Famiglia Caetani, proprietaria della tenuta, proprio per poter avere una maggiore concentrazione nella stesura del suo libro più famoso. Lo splendido giardino all’inglese, realizzato nel primo ventennio del Novecento, è infatti uno spettacolo naturale di grande impatto emotivo: è percorso da ruscelli e sorge sui resti di un vecchio borgo medievale. Oggi i giardini di Ninfa ospitano molte specie botaniche e specie vegetali: vi si tengono visite guidate con partenza ogni dieci minuti, della durata di circa un’ora. Il momento migliore per visitare i giardini di Ninfa? Quello primaverile, quando avviene la fioritura e quando è possibile allungare la visita anche fino al castello di Sermoneta.  

Villa Lante a Viterbo: Un paradiso regale

Villa Lante si trova a Bagnaia, una piccola frazione di Viterbo, ed è una delle più grandi ville italiane dell’epoca cinquecentesca. La splendida dimora ospita capolavori come la Fontana dei Mori del Giambologna e le palazzine di Montalto e di Gambara. Il suo parco è un susseguirsi di giochi d’acqua, fontane, statue e decorazioni di altissimo livello, senza dimenticare i grandissimi e bellissimi boschi, che ontano un totale di 22 ettari di verde.

Se volete deliziarvi alla vista di una splendida villa del ‘500 e contestualmente visitare un bellissimo parco dove all’ombra degli alberi sorgono fontane maestose, Villa Lante è una delle soluzioni migliori, uno dei giardini in Lazio da visitare assolutamente. Non a caso, fino a qualche anno fa questa Villa ospitava - di tanto in tanto - il Principe Carlo d’Inghilterra, che aveva l’abitudine di soggiornare qui per alcuni giorni di relax durante i periodi estivi. Per visitare le due palazzine è possibile prenotarsi in giornata presso la biglietteria o in anticipo via mail, se prenotate per l’apertura del sabato.

Visitare Bomarzo: il Parco dei Mostri

Nel novero dei giardini del Lazio da visitare a tutti i cosi non può certo mancare il parco dei mostri di Bomarzo. Si tratta di un eclettico e originalissimo parco in provincia di Viterbo, fatto edificare a Bomarzo dal principe Pier Francesco Orsini. Il borgo medievale, adagiato sui Monti Cimini, ospita un parco popolato da strane, affascinanti e grottesche figure scolpite nella roccia, sculture fantasiose e un piccolo tempio ottagonale. Tra le costruzioni e le sculture particolarmente originali e famose segnaliamo Il Mascherone, un enorme volto con la bocca spalancata, il Drago in lotta coi veltri ed il temibile Gigante, senza dimenticare l’Elefante in Battaglia. Il parco di Bomarzo è sicuramente affascinante ed unico nel suo genere, inoltre è l’ideale anche per una visita coi bambini, perché ci sono zone dedicate al gioco e alle attività ludiche per i più piccoli e specifici punti ristoro.

Mariagrazia Roversi

Mariagrazia Roversi

Nata e cresciuta a Brescia, è laurata in Giurisprudenza. La legge è la sua prima passione, ma quando non si occupa di studio e lavoro si tuffa nei libri, nel disegno e nel mondo dei cavalli. La scrittura è la sua coperta di Linus: la fa stare semplicemente bene. Non potrebbe mai vivere senza le buone compagnie: trovarsi intorno ad un tavolo con gli amici, davanti a una bottiglia di vino, è uno dei suoi passatempi preferiti per rilassarsi.

Potrebbero interessanti anche
La Redazione
  • Erika Di Cosimo
  • Verdiana Amorosi
  • Mariagrazia Roversi
  • Angela Agresta
  • Cristina Vinci
  • Madame de Stael