Giardino fai da te: l'angolo verde su misura per ogni necessità

Orto, veranda, balcone o aerogarden: ecco tutte le soluzioni e i consigli per creare la tua oasi personale.



Giardino su misura per ogni necessità – CorriereDelleDame

Si sa che il culmine della primavera porta con sé una voglia di rinnovamento travolgente: alcune di noi dedicano il proprio tempo a cambiare l’arredamento del living, altre alla cura del corpo in vista della spiaggia, altre ancora a rifare il guardaroba (beh, alzi la mano chi non vorrebbe!) e magari si cimentano in un taglio di capelli all’ultimo grido.
Non dimentichiamo però che primavera è sinonimo rinascita, forza e vitalità e non c’è rinnovamento che tenga il confronto con un giardino curato ad arte nel quale abbiamo riversato con dedizione e pazienza tutto il nostro amore.
Andiamo dunque a vedere quali sono le soluzioni più indicate per ogni spazio e come arredare ogni tipologia di angolo verde.

Giardino tradizionale

Ovviamente avere una casa con un bel giardino, grande o piccolo che sia, è il sogno di molti, ideale sopratutto nelle stagioni più calde dell’anno per godere a pieno di uno spazio all’aria aperta privato e confortevole, dove poter trascorrere in armonia momenti di convivialità. Con una zona verde a disposizione le idee per sbizzarrirsi sono infinite: a seconda del nostro gusto possiamo creare uno spazio naturale in stile rustico mediterraneo con alberi da frutto, piante aromatiche e rocce, un angolo esotico che richiami le atmosfere e i profumi d’oriente, un giardino colorato e vivace come una serra tropicale o un geometrico e studiato giardino zen. Che si tratti di una tenuta di campagna o di una villetta urbana è importante fare in modo che il giardino sia composto da due aree ben distinte, una ombreggiata e riparata per i pranzi o le cene (o semplicemente una piccola zona relax se la metratura non lo permette) ed un’area verde più ampia, con un prato se possibile, dove coltivare le piante e gli alberi che più ci piacciono, magari a ridosso di uno specchio d’acqua come un laghetto, un ruscello o un’elegante fontana.

Giardino d’inverno o veranda

La differenza sostanziale tra queste due soluzioni è che il giardino d’inverno, o Wintergarten, può essere costruito ovunque come struttura a sé stante, un vero e proprio salotto ecosostenibile circondato da pareti di vetro, mentre la veranda è a tutti gli effetti un prolungamento dell’abitazione, utilizzabile anche come zona di disimpegno, lavanderia, o di stoccaggio di materiali e suppellettili che non trovano spazio in casa. Entrambi gli spazi sono caratterizzati dalla presenza di vetrate e questo li rende il luogo ideale per un giardino al chiuso. A seconda dell’esposizione solare (ideale l’orientamento verso Sud), bisognerà valutare l’illuminazione ed il sistema di ventilazione con aperture e dispositivi oscuranti per rendere il clima interno accogliente in ogni stagione dell’anno. Riguardo la scelta dello stile, ogni variante risulterà deliziosa: potrete creare una veranda (o pergola) che ricordi una limonaia del Garda, oppure una glasshouse moderna e razionalista, mentre per più i romantici il vero dilemma sarà: orangerie alla francese o serra vittoriana in stile liberty?A voi la scelta!

Balcone o terrazzo

Per chi vive in appartamento un balconcino o, nel migliore dei casi, una terrazza possono diventare il luogo ideale per soddisfare la voglia di stare en plein air: dopo aver valutato il clima, lo spazio a disposizione e l’esposizione solare si potrà iniziare a riempire con piante e fiori colorati l’ambiente. Se non si ha troppo tempo o dimestichezza, sarà opportuno sceglierne di tipologie a bassa manutenzione come aloe, gerani, ciclamini, alcuni tipi di piante aromatiche o piante da frutto come il limone. Se lo spazio è poco, oltre ad utilizzare un gioco di specchi come escamotage sempre valido e di gran stile, si potranno alternare zone di verde verticale, con l’ausilio di reti leggere, pallet o sistemi a tasche abbellite da piante rampicanti e sempreverdi. Una volta terminata la scelta floreale e stabilita la presenza di un’eventuale copertura contro le intemperie, si passerà ad inserire il mobilio dedicato alla convivialità: un tavolo con delle sedie o dei divanetti, magari di forme, colori e materiali diversi ed un impianto stereo renderanno la nostra terrazza giovane e minimal, mentre dei cuscini a terra con tappeti da esterno, lanterne e vasi pensili contribuiranno a creare un ambiente più rilassante. Un’attenzione particolare va data all’illuminazione che dovrà essere equilibrata e funzionale, fatta di luci intense e più soft, con l’ausilio di lampade da giardino in combinazione, ad esempio, a vasi luminosi.

Orto in casa o smart garden indoor

Infine, per chi non vuole proprio rinunciare al suo piccolo orto personale pur non avendo spazio esterno, la tecnologia corre in aiuto: gli smart gardens sono delle piccole serre dalle dimensioni ridotte che permettono a chiunque di coltivare le proprie piante aromatiche preferite, pomodori, peperoncini e tanto altro, comodamente in cucina o qualunque altro angolo della casa. Infatti, oltre ad essere estremamente utili, sono anche molto belle da vedere, diventando un vero e proprio complemento d’arredo. Esistono diverse tipologie di smart garden: ad esempio quello idroponico, chiamato anche aerogarden, permette alle piante di crescere senza l’utilizzo di terriccio lasciando che le radici ricevano tutti i nutrienti necessari al loro sviluppo e sostentamento rimanendo sospese in aria e acqua.

Potrebbero interessanti anche
Coltivare le Ortensie

Fai da te

Coltivare le Ortensie

Come Curare le Rose: Guida Pratica

Fai da te

Come Curare le Rose: Guida Pratica

La Redazione
  • Erika Di Cosimo
  • Verdiana Amorosi
  • Mariagrazia Roversi
  • Angela Agresta
  • Cristina Vinci
  • Madame de Stael