Dieta Chetogenica: facciamo chiarezza sul regime alimentare più discusso del momento

Per alcuni si tratta di uno stile di vita rivoluzionario, per altri è sbilanciata e rischiosa, scopriamo insieme tutti i perchè



Dieta Chetogenica: Come Funziona - CorriereDelleDame

In tema di diete si sente sempre più spesso parlare della dieta chetogenica, un regime alimentare che viene considerato molto utile ed efficace per perdere peso velocemente. C’è chi indica la keto diet come uno strumento eccezionale per dimagrire in poco tempo, mentre alcuni la considerano troppo restrittiva e dunque rischiosa.
Ma quale è la verità sulla dieta chetogenica, come funziona e quali sono i pro e i contro di questra strategia nutrizionale ipocalorica? Andiamo ad analizzarli in maniera semplice.

In cosa consiste la dieta chetogenica?

Innanzitutto chiariamo la definizione: a che cosa si fa riferimento quando si parla di dieta chetogenica? La ketogenic diet si basa sulla premessa che il nostro corpo riesce ad trasformare in energia, e quindi consumare, i lipidi quando assume meno carboidrati.
Questo regime alimentare mira a produrre un livello superiore di corpi chetonici (normalmente prodotti in quantità minima e smaltiti facilmente dal nostro metabolismo) al fine di incrementare il processo di dimagrimento.
In sostanza in una situazione di questo tipo il corpo umano riduce il dispendio energetico proteico, in favore dei quello dei grassi che in una situazione "normale" fungono da scorta di accumulo, al contrario delle scorte di carboidrati che sono più ridotte e garantiscono energia solo per periodi limitati.
La dieta chetogenica, quindi, eliminando i carboidrati complessi e semplici e aumentando la quantità percentuale di proteine (rimandendo comunque in un range di assunzione medio) e lipidi, spinge necessariamente il corpo ad entrare in uno stato di chetosi bruciando così le riserve di grasso.

Quali alimenti prevede la dieta chetogenica?

Questo regime alimentare tanto discusso non elimina solo pane e pasta (dunque cereali) ma anche legumi, patate, frutta, alcuni tipi di verdure come pomodori e carote, formaggi grassi e ovviamente bevande zuccherate, alcolici e dolciumi vari.
La dieta chetogenica è essenzialmente proteica e ipocalorica e non contiene carboidrati, ma ci sono versioni più soft che consentono di inserire una certa porzione (comunque ridotta) di zuccheri.
Le scuole di pensiero più rigide, invece, prevedono una ripartizione percentuale giornaliera data da 10% carboidrati, 15-25% proteine ed il restante 70% da grassi e olii da condimento.

 

Rimettersi in forma dopo i 50 anni: ecco come!

La dieta chetogenica funziona? Quali sono i vantaggi?

Abbiamo imparato così che la dieta chetogenica induce in uno stato di chetosi l’organismo, cioè lo abitua a ricavare l’energia non dal metabolismo degli zuccheri bensì da quello dei lipidi, attaccando direttamente i grassi.
Questo consente sicuramente di perdere peso in maniera abbastanza immediata. I vantaggi sono da ricondurre all’effettivo dimagrimento che avviene in poco tempo e che coinvolge inizialmente i liquidi e poi solamente i grassi e non la massa muscolare. La riduzione delle calorie permette di avere un risultato di dimagrimento rapido, inoltre eliminare gli zuccheri comporta uno stato di benessere generalizzato per l'organismo dovuto ad un mantenimento costante di glicemia e insulinemia.

Gli svantaggi della dieta chetogenica

Tuttavia, nonostante i suoi vantaggi, anche la dieta chetogenica è stata travolta dalle polemiche in quanto ritenuta da molti studiosi sbilanciata, esagerata e rischiosa soprattutto a causa dell'elevata presenza di corpi chetonici nel sangue.
La keto diet non è certamente un regime alimentare per tutti. Privando completamente o quasi il corpo di carboidrati, non può essere improvvisata e deve necessariamente essere prescritta da un dietologo che segua il paziente dall’inizio alla fine.
Se non correttamente bilanciata, la dieta chetogenica può portare il soggetto a fastidiosi scompensi come eccessivo lavoro a carico dei reni, disidratazione, ipoglicemia, stanchezza diffusa e crampi. Nel caso di atleti o sportivi abituali può portare ad uno stato di catabolismo muscolare e risulta nociva in persone affette da malnutrizione, pazienti con diabete di tipo 1 o persone affette da patologie renali.
In generale più che di contro o svantaggi riguardo la dieta chetogenica, si potrebbe parlare della necessità di fare particolare attenzione al fatto che non si tratta di un regime nutrizionale adatto a tutti e che di certo è una dieta che non può durare tutta la vita, essendo una strategia di dimagrimento estremamente stressante, poco naturale e generalmente scorretta.
In conclusione, il regime nutrizionale chetogenico se prescritto da un dietologo nutrizionista e se effettuato nel breve termine in vista di un reinserimento graduale e corretto dei carboidrati è sicuramente un buon metodo per riscontrare un dimagrimento veloce, magari in vista dell'estate.

Potrebbero interessanti anche
La Redazione
  • Erika Di Cosimo
  • Verdiana Amorosi
  • Mariagrazia Roversi
  • Angela Agresta
  • Cristina Vinci
  • Madame de Stael